vai al contenuto della pagina

Sito dell'Anfim, Associazione nazionale famiglie italiane martiri caduti per la libertà della patria

A.N.F.I.M. via Montecatini 8, 00186 Roma
tel: 0039 6 6783114

 

Associazione | Storia dell'Anfim | Le attività | Le sedi |
Le fosse ardeatine | Roma città aperta | Via Rasella | L'eccidio | Il Mausoleo |
I processi | Definizioni | Kappler | Priebke | Il sonno della ragione |
Geografia del dolore | Database | Approfondimenti |
Archivio multimediale |
E-mail |
Credits |
Home |

 

Bellona, Strage di

A Bellona, comune di circa quattromila abitanti a diciannove chilometri da Caserta, i tedeschi consumarono una delle loro più efferate stragi. Il 6/10/1943, verso le ore 20.30, un soldato della Wehrmacht fu ucciso da una bomba a mano lanciatagli dal fratello di una giovane donna che il tedesco aveva tentato di rapire. All'alba del giorno seguente Bellona venne circondata dai tedeschi e una compagnia di S.S. rastrellò tutte le abitazioni, in una spietata caccia all'uomo. Oltre cinquanta cittadini, tra cui sei sacerdoti, furono catturati e rinchiusi nella cappella di San Michele. Circa un'ora dopo i tedeschi prelevarono questi ostaggi e li caricarono su autocarri, affermando che li avrebbero condotti al lavoro obbligatorio. Ma, giunti a pochi chilometri dal paese, li fecero scendere in una cava di pietra tufacea e li uccisero con raffiche di mitragliatrice. Infine, facendo brillare alcune mine, i tedeschi fecero franare le pareti della cava, seppellendo i corpi delle loro vittime.
Caddero in quella strage i sacerdoti: Andrea Rovelli, arciprete di Bellona; Salvatore Antropoli, parroco di Brezza (Caserta); padre Remigio di San Domenico (al secolo Domenico Abbate) e Giovanni Limongi, economo della chiesa di Sant'Eligio di Capua. Insieme a questi morirono Ernesto Adellio, agricoltore; Secondino Aurillo, manovale; Benedetto Cafaro, operaio; Luigi Cafaro, agricoltore; Giovanni Carusone, agricoltore; il dodicenne Francesco Carusone; Secondino Carusone, agricoltore; Vincenzo Carusone, bracciante; Remo Costa, operaio; Ferdinando De Filippo, Michele De Filippo e Pasquale Della Cioppa, agricoltori; Cesare Della Cioppa, sarto; Ciro Esposito, artigiano; Antimo Filaccio e Antonio Fusco, agricoltori; Carlo Fosco, studente; Raffaele Fusco, artigiano; Angelo Giudicanni, laureando; Giuseppe Giudicanni, agente di sanità; padre Geraldo, passionista (al secolo Luigi Giudicanni); Gennaro Filacco, studente passionista; Giovanni Liguori, esercente; Alfonso Limongi, studente; Gaetano Limongi, impiegato postale; Pasquale Limongi, farmacista; Giuseppe Lo Prete, soldato di sanità; Raffaele Manco, operaio; Valentino Nardone, manovale; Nicola Patruno, sottufficiale dell'esercito; Michelangelo Perileri, agricoltore; Raffaele Perella, operaio; Lorenzo Petriccione, barbiere; Vincenzo Ronzino, sottufficiale dell'aeronautica; Luigi Rucco, medico; Armando Rullo e Carlo Russo, operai; Ciro Simeone, vigile urbano; Nicola Tescione, operaio; Francesco Villano, vicebrigadiere dei carabinieri; Giuseppe Materia, procuratore; Vincenzo Carbone, operaio; Giuseppe Di Nuccio, studente; Giovanni Esposito. Sei delle vittime non poterono essere identificate.
Il 7/10/1945, nei pressi del luogo, oggi chiamato Cava dei Martiri, è stata eretta una stele commemoratlva con i nomi dei fucilati e due epigrafi. L'una, del Comune dl Bellona, reca: "In memoria dei cinquantaquattro suoi cittadini - padri di famiglia - giovinetti innocenti - pii sacerdoti - Sotto specie di condurli a lavori - tolti dalle loro case - e per delirio di vendetta - dalla fredda rabbia tedesca - il giorno 7/10/1943 trucidati e i corpi gettati nella prossima cava".
L'altra opigrafe, dettata da Benedetto Croce, dice: "Anche in questa piccola terra - sorge una delle innumeri stele - che in ogni parte d'Europa - segneranno nei secoli il grido - dell'offesa umanità - contro una gente creduta amica - nell'epoca del civile avanzamento e nella quale orrenda si è discoperta - armata di tecnica moderna - la Belva primeva."